Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

Lush con Lipu per salvare gli avvoltoi

Lush con Lipu per salvare gli avvoltoi Grifone - Foto di Luigi Sebastiani - www.birds.it

Si chiama Diclofenac, è un farmaco, e rischia di causare l’estinzione degli avvoltoi europei.

Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, sostiene la Lipu ospitando nei propri negozi su territorio nazionale la campagna di sensibilizzazione Chi salverà il brutto anatroccolo? a partire 16 febbraio e per la durata di una settimana.

L’iniziativa si propone di proteggere le tre specie di avvoltoi presenti in Italia (capovaccaio, grifone e gipeto) oggi a rischio estinzione per l’introduzione a uso veterinario del farmaco Diclofenac, un antinfiammatorio ampiamente utilizzato sugli esseri umani di cui la Commissione europea ha autorizzato la commercializzazione per uso veterinario in Italia e in Spagna. In India l’utilizzo a scopi veterinari del farmaco ha portato alla morte del 99% della popolazione di due specie di avvoltoi; per ovviare a questo drammatica situazione il Governo indiano ha messo al bando la sostanza salvando queste specie dall’estinzione.

Capovaccaio (ssp ginginianus) - Foto Andrea FerracinCapovaccaio (ssp ginginianus) - Foto Andrea Ferracin

La campagna Chi salverà il brutto anatroccolo?, promossa da Lipu e supportata da Lush, si propone di difendere gli avvoltoi italiani e sensibilizzare l’opinione pubblica sul grande rischio che queste specie corrono con l’utilizzo veterinario del Diclofenac. Gli avvoltoi, infatti, si nutrono di carcasse di animali; se questi vengono trattati con il Diclofenac anche l’avvoltoio finisce con l’ingerire per via indiretta il farmaco che gli provoca un blocco renale e la conseguente morte tra grandi sofferenze. Il problema assume inoltre proporzioni maggiori perchè non si limita ai soli avvoltoi ma interessa anche molti altri grandi rapaci italiani come l’aquila delle steppe, l’aquila imperiale, il nibbio bruno e il nibbio reale.

 Gipeto - Foto Michele Mendi Gipeto - Foto Michele Mendi

In Italia ad oggi si contano tre grandi specie di avvoltoi: il gigantesco e solitario Gipeto, che nidifica nella roccia, il maestoso Grifone, che ha ispirato leggende ed è stato protagonista di diversi racconti, e il piccolo Capovaccaio, dall’inconfondibile livrea bianca e nera, di cui solo nove coppie nidificano nel nostro paese.
Con la campagna Chi salverà il brutto anatroccolo? Lush e Lipu invitano a firmare la petizione per chiedere alla Commissione Europea di proibire l’uso veterinario del Diclofenac, facilmente sostituibile con altri farmaci equivalenti non dannosi per avvoltoi e grandi rapaci. La petizione è disponibile alla pagina www.lipu.it/salviamogliavvoltoi
Sabato 21 febbraio nei negozi Lush di Roma via del Corso, 21 e Milano Via Torino, 42, staff e volontari Lipu saranno a disposizione per rispondere a domande, fornire informazioni e coinvolgere il pubblico a difendere la bellezza del volo degli avvoltoi. Nel negozio di Milano,dalle ore 15.30 alle ore 17.30 i clienti avranno inoltre la possibilità di prendere parte a uno speciale e coinvolgente photocall per salvare il brutto anatroccolo e invitare i propri amici a fare lo stesso condividendo l’hashtag #salviamogliavvoltoi
Appuntamento: Lush Milano via Torino, 42 | sabato 21 febbraio | ore. 15.30 – 17.30

 
Venerdì, 13 Febbraio 2015 10:50

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno oppure puoi rinnovare la tua quota associativa, e farai parte della nostra grande famiglia!

I TUOI DATI
SCEGLI LA TUA QUOTA ASSOCIATIVA

Indica la quota associativa (nel campo "Di che specie sei") e la modalità iscrizione alla Lipu. Se sei della specie "famiglia" scrivi nel campo note il nome e cognome dei componenti della tua famiglia.



Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni