Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

L'amore lascia il segno

L'amore lascia il segno Foto: Riccardo Oggioni

Una penna può dare ali al sogno di migliorare il futuro del pianeta. Un lascito testamentario ci offre l’opportunità di veder realizzate le nostre volontà e rendere concreto un progetto di protezione della natura, per gli animali e le generazioni future.

Un angolo di paradiso

La Signora Celestina da anni coltivava un sogno: lasciare un ricordo di sé realizzando qualcosa di importante per l’ambiente. Nativa della provincia di Reggio Emilia, Celestina aveva nella zona alcune proprietà. Nel 1996 aveva visitato l’Oasi Lipu Torrile (PR) e ne era rimasta talmente affascinata che aveva subito pensato a come realizzarne una simile in un suo podere nella bassa reggiana. Così lasciò il suo terreno in eredità alla Lipu, affinché venisse trasformato in un’Oasi a lei dedicata. Oggi questi 10 ettari sono stati trasformati in un piccolo paradiso naturale: proprio come la Signora Celestina aveva desiderato.

Una scelta che guarda al futuro

Per saperne di più

Della sua vita non conosciamo molto: la Signora Tina era nata a Roma nel 1931, era diventata Socia nel 1980 e a sostenere concretamente le varie attività della Lipu pensava ogni anno con tante donazioni. Non sappiamo quando, nel cuore della Signora Tina, sia nato l’amore per la Natura, forse sin dalla sua infanzia, o nell’età adulta, quando trascorreva il suo tempo libero nella casa di San Felice Circeo tra gli odori e i profumi della macchia mediterranea. Può essere che in quella natura selvaggia di straordinaria bellezza abbia riflettuto sull’importanza di tutelare il dono prezioso della natura e di fare qualcosa per far sì che esso venisse salvaguardato per il futuro. Così ha deciso di lasciare alla Lipu un importante legato testamentario in denaro che la Lipu ha utilizzato per finanziare interventi concreti e progetti finalizzati alla protezione dell’ambiente e della Natura.

L’amore lascia il segno

Capitava spesso, mentre erano seduti uno vicino all’altra sulla veranda della loro casa in provincia di Ascoli Piceno, che i coniugi Casarotti riflettessero su che futuro ci sarebbe stato dopo di loro. Sposati, senza figli, entrambi avevano un amore smisurato per gli animali e per la natura: dal gatto randagio a cui offrire cibo e ricovero, al piccolo uccello ferito a cui prestare soccorso e cure. Fu per questo che il Signor Nicola, prima di lasciarci, raccomandò a sua moglie di fare qualcosa di importante, qualcosa di cui avevano più volte parlato: lasciare il loro patrimonio per tutelare l’inestimabile valore e la bellezza della natura. Fu così che la Signora Gemma lasciò alla Lipu un bellissimo immobile del Seicento, un convento con un uliveto: un nobile gesto di sensibilità e fiducia.

Donazioni in vita

Una donazione è un gesto personale di grande intensità e ricchezza interiore. Devolvere dei beni alla Lipu quando si è ancora in vita ci dà la possibilità di vedere realizzati i nostri desideri. Per questo la Signora Clara ci ha regalato la sua bellissima casa in Toscana e la Signora Luisa un terreno a torbiera vicino all’Oasi Lipu Palude Brabbia.

Foto: A. Oldani GattiFoto: A. Oldani Gatti

Gesti in memoria di persone care...

Oggi sono sempre di più le persone che, in momenti delicati della loro vita, scelgono di fare una donazione in memoria per ricordare una persona cara scomparsa. La Signora Alida di Milano, Socia e donatrice Lipu dal 1977, attraverso la sua donazione in memoria dei due fratelli ha consentito la pubblicazione delle prime tre Guide didattiche Lipu.