Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

Proteggiamo il mare

Proteggiamo il mare Berta Minore (foto Giulio Piras)

Il mare occupa i tre quarti del Pianeta Terra ma lo conosciamo meno della Luna. Contiene il 90% della biosfera e ricopre il 71% della superficie terrestre, tanto da far meritare alla Terra l’affascinante soprannome di Pianeta blu.

Il mare, una risorsa da tutelare

Eppure anche il mare è altamente minacciato, e con il mare sono minacciate le forme di vita che da esso dipendono, tra cui numerose specie di uccelli.

NO ALLA CACCIAL'allodola ci chiede solo di poter continuare a cantare. Firma l’appello per chiedere al Presidente del Consiglio Matteo Renzi di cancellare l'allodola dalle specie cacciabili.

FIRMA LA PETIZIONE
Ferma questa strage

Molti sono i fattori che attentano alla sopravvivenza degli uccelli marini: l’inquinamento, dovuto alla plastica, all’acquacoltura, agli scarichi urbani e industriali, allo sversamento di tonnellate di petrolio e prodotti derivati e ad altro ancora; lo sfruttamento eccessivo della risorsa ittica da parte dell’uomo, con gravi conseguenze sulle tante specie di uccelli che si cibano di pesce; le catture e le uccisioni accidentali con strumenti da pesca (bycatch); la predazione dei pulcini al nido da parte di predatori introdotti dall’uomo, come ratti, gatti e cani, animali che non vanno criminalizzati ma che, in questi casi, rappresentano poco responsabili e lungimiranti azioni dell’uomo (video); inoltre, il disturbo provocato dall’uomo nei confronti degli uccelli marini nei siti di nidificazione.

Per tutelare il mare, l’Italia si è dotata di aree marine protette e, almeno in parte, ha individuato siti della rete Natura 2000 in ambiente marino. Tuttavia molto altro deve essere fatto perché al rischio di un mare sempre più malato sia opposta la giusta cura.Ad esempio, è urgente far applicare il Piano d’Azione Europeo sulla pesca intensiva così come è ormai indispensabile designare un maggior numero di siti Natura 2000 in mare aperto. In proposito, la Lipu sta lavorando per individuare le aree marine più importanti per gli uccelli.

 

Il problema della pesca intensiva e del bycatch

La pesca intensiva e la morte accidentale degli uccelli nelle reti da pesca stanno minacciando gi uccelli marini e non solo. La Lipu e BirdLife International lavorano da tempo per studiare e contrastare questi fenomeni.

Oggi oltre il 75% degli stock ittici è sovrasfruttato nelle acque europee, con un crollo della disponibilità di pesce e la distruzione degli ecosistemi marini. Le conseguenze sono drammatiche per la sopravvivenza degli animali che dipendono dal pesce per la propria alimentazione, ma gravi anche per la salute umana, la sicurezza alimentare e l'economia.  

Inoltre, ogni anno migliaia di uccelli marini, talvolta appartenenti a specie prioritarie, restano vittime del fenomeno noto come bycatch, vale a dire la cattura accidentale causata da strumenti da pesca. Queste catture accidentali rappresentano una grave minaccia per molte popolazioni di uccelli marini, di cui almeno 49 classificate come specie di interesse consevazionistico.

Uccello impigliato nella rete da pesca (foto Vero Cortés)

Uno studio di Ramunas Zydelis, biologo marino di BirdLife International ha rivelato che sono almeno 400.000 le vittime accidentali della pesca con il tramaglio, una particolare rete da pesca costiera, detta anche “da posta”. Il nylon con cui è realizzata, rende la rete praticamente invisibile, cosicché in essa finiscono animali di ogni sorta: non solo i pesci che si intende pescare ma anche, appunto, delfini, tartarughe, talvolta foche. Gli uccelli marini, avvistato il pesce, si avvicinano restando impigliati nella rete e finendo per annegare.

Zydelis nota che, a differenza della pesca con i palangari e le reti a strascico, per i quali già esistono semplici soluzioni tecniche disponibili per ridurre le catture accidentali di uccelli marini, la ricerca di misure analoghe per i tramagli sia stata finora molto limitata e sia ormai urgente uno sforzo deciso per individuarle e fronteggiare il problema.

Uccello impigliato nella rete da pesca (Vero Cortés)

Dopo anni di pressione da parte di BirdLife International, la Commissione europea ha realizzato un Piano d’azione per la tutela degli Uccelli marini, che sottolinea la gravità del problema del bycatch e individua una serie di possibili soluzioni tecniche al fine di ridurre al minimo le catture accidentali con attrezzi da pesca. C’è quindi una presa d’atto da parte delle autorità. Tuttavia, l’applicazione del Piano d’azione è allo stato attuale di natura volontaria: gli Stati non sono obbligati a metterlo in atto. Di conseguenza, le azioni correttive concrete sono state fino ad ora molto sporadiche.

Per questo motivo la Lipu, assieme a BirdLife, chiede misure vincolanti da includere nell'ambito della Politica comune sulla pesca (Pcp), finalizzate a migliorare la raccolta di dati e a fornire finanziamenti per la ricerca al fine di individuare i migliori metodi per evitare che gli uccelli marini restino uccisi nei tramagli: l’utilizzo di ami da pesca che siano meno visibili per gli uccelli, l’utilizzo di reti più pesanti e - al contrario- più visibili, l’installazione di deterrenti acustici per allontanare gli uccelli e le altre prede accidentali e una generale responsabilizzazione e un maggior coinvolgimento degli stessi pescatori, anche nel compito di raccogliere dati sulle catture e uccisioni accidentali di animali marini.

Il coinvolgimento dei pescatori può essere una delle chiavi di volta.

La responsabile Policy del Global Seabird Programme di BirdLife International, Rory Crawford, ricorda come il lavoro sui palangari e i pescherecci che effettuano pesca a strascico in tutto il mondo ha dimostrato che un approccio collaborativo con l'industria della pesca è utile e in grado di ridurre in modo consistente le catture accidentali di uccelli marini. 

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno. Entra nella nostra grande famiglia!

I TUOI DATI
SCEGLI LA TUA QUOTA ASSOCIATIVA

Indica la quota associativa (nel campo "Di che specie sei") e la modalità iscrizione alla Lipu. Se sei della specie "famiglia" scrivi nel campo note il nome e cognome dei componenti della tua famiglia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Acconsenti all'uso dei cookie Chiudendo questo banner.
Per saperne di più è possibile consultare l'informativa sulla Privacy di Lipu.