Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

Sospese le attività del Centro rapaci del Mugello

Sospese le attività del Centro rapaci del Mugello
Etichettato sotto

"Ce l’abbiamo messa tutta, abbiamo provato con la Regione e l’Asl di Firenze, ma i fondi non arrivano o sono irrisori. E’ triste non poter curare gli animali in difficoltà e soffrire la disattenzione dell’amministrazione pubblica”.

Lo dichiarano i volontari e gli operatori del Centro recupero della Lipu del Mugello, all’indomani della decisione di sospendere nuovamente le attività della struttura, in assenza pressoché totale di sostegno da parte dell’amministrazione.

Aiuta gli animali feriti ospiti dei centriAiuta un animale in cura nei Centri Recupero. Permetti di guarire a una volpe ferita, un riccio smarrito o un piccolo rapace caduto dal nido. Aiutaci a curarli, dona ora.

cura un animale ferito basta una piccola donazione

“Nel 2015 abbiamo goduto soprattutto dell’aiuto della Regione – dice Paola Beati, responsabile del Centro di Vicchio – che si era impegnata a sostenerci per tutto l’anno e a confermare il supporto anche per il 2016, ma che invece è intervenuta solo con la metà delle risorse previste. Lo scorso anno, pur con un contributo ridotto, abbiamo lavorato sodo, ricoverando oltre 1.000 animali con una percentuale altissima, quasi dell’80%, di animali curati e restituiti alla natura o ancora in riabilitazione. Il servizio che abbiamo dato alla natura e ai cittadini è stato prezioso e speravamo di replicarlo quest’anno. Invece, a quanto pare, sarà impossibile. Dobbiamo dunque sospendere l’attività del Centro e valutarne tutti assieme il futuro. Un gesto che ci costa molto ma che è dettato dalla responsabilità di aver ormai capito che senza l’interesse concreto dell’amministrazione questa impresa è impossibile.

“In un momento così delicato che vede la schiusa delle uova e la caduta a terra dei piccoli, in particolare di specie sensibili ai cambiamenti dell’habitat come rondini, rondoni e balestrucci, e se si pensa che nel 2015 i ricoveri hanno riguardato 300 esemplari di queste specie, chi aiuterà adesso questi piccoli e i cittadini sensibili che si impegnano per non farli morire sull'asfalto?”

“La situazione del Centro recupero del Mugello sembrava in via di soluzione – dichiara il Direttore generale della Lipu, Danilo Selvaggi – visto l’intervento del Presidente della Regione, Enrico Rossi, che lo scorso anno si era esposto personalmente e impegnato a trovare la strada giusta. Il Presidente Rossi, dicendoci che il Servizio sanitario regionale era in fare di riassetto, ci aveva gentilmente chiesto di attendere nuove notizie a inizio anno e ci aveva rimandato alla Asl di Firenze, che però, a quanto ci ha comunicato, non dispone che di pochissime risorse.

“E’ ormai evidente – aggiunge il Direttore della Lipu - come ci sia un problema generale per i Centri recupero, per tutta la Toscana e anzi per tutta Italia, ma c’è anche un problema qui ed ora sul Centro di Firenze, che ha dato una grande mano alla città e a tutta la zona e che adesso non può più operare.
“L’appello, al Presidente Rossi e a tutte gli amministratori di buona volontà – conclude Danilo Selvaggi - è di trovare al più presto una soluzione. La Regione Toscana, spiace dirlo, non sta brillando per politiche di sensibilità verso gli animali selvatici e la porta chiusa del Centro recupero del Mugello è un nuovo, dolente capitolo”.
 

Giovedì, 19 Maggio 2016 12:46

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno oppure puoi rinnovare la tua quota associativa, e farai parte della nostra grande famiglia!

I TUOI DATI
SCEGLI LA TUA QUOTA ASSOCIATIVA

Indica la quota associativa (nel campo "Di che specie sei") e la modalità iscrizione alla Lipu. Se sei della specie "famiglia" scrivi nel campo note il nome e cognome dei componenti della tua famiglia.



Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni