Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

SS 675: bocciato il tracciato Verde. "Valutare l'impatto ambientale dell'opera nel suo complesso"

Tarquinia - Foto Pixabay Tarquinia - Foto Pixabay
Etichettato sotto

“Il cosiddetto ‘tracciato Verde’ non può più essere considerato un’alternativa possibile nel progetto di completamento della tratta Monte Romano-Est – Civitavecchia”.

Lo dichiarano le associazioni Lipu, WWF, Italia Nostra e GrIG con riferimento al provvedimento di compatibilità ambientale del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, del 3 gennaio 2023, con cui si dà il via al primo stralcio del completamento della superstrada Orte-Civitavecchia. Il provvedimento ha giudicato positivamente il cosiddetto ‘tracciato Viola’ che aveva già ottenuto la compatibilità ambientale con il decreto Via del 2004, ormai quasi venti anni fa, tracciato che le associazioni avevano sostenuto come possibile alternativa al ‘tracciato Verde’.

“Questo conferma che le nostre azioni legali contro il ‘tracciato Verde’ erano pienamente motivate – dichiarano Lipu, WWF Italia, Italia Nostra e GrIG - Esso avrebbe provocato gravi danni all’ambiente e alle aziende agricole e turistiche della Valle del Mignone, che rientra nella bellissima ZPS ‘Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate’”, senza peraltro portare nessun beneficio alla città di Tarquinia, che non avrebbe neppure avuto uno svincolo dedicato, ma soltanto l’uscita all’altezza dell’autostrada Tirrenica.

L’impossibilità di approvare il ‘tracciato Verde’ è stata ribadita anche dalla nuova sentenza del Tar Lazio (la n. 16243) emessa lo scorso 6 dicembre sul ricorso “in ottemperanza” presentato dalle stesse associazioni. Una nuova sentenza, questa, che conferma, dunque, quanto già stabilito dallo stesso organo amministrativo lo scorso 5 ottobre 2021.

Il ricorso in ottemperanza, presentato l’anno scorso, è stato realizzato “in quanto l’Anas, riprendendo l’iter autorizzativo per il primo stralcio dell’opera – spiegano le associazioni – non identificava contestualmente anche il tracciato relativo al secondo stralcio omettendo così una valutazione complessiva degli impatti ambientali e delle incidenze sui siti della Natura 2000 dell’intera tratta di completamento, parcellizzando sia la Via che la Vinca e rimandando a un tempo indefinito la progettazione del secondo lotto, senza neppure escludere le ipotesi più dannose, tra cui lo stesso tracciato Verde”. L’attuale proposta di tracciato aggirerà a nord Monte Romano, ovvero dalla parte opposta rispetto al ‘tracciato Verde’. Questa era dunque la soluzione più sensata, e per altro già approvata nel 2004, in grado di risolvere la strozzatura del famigerato arco di Monte Romano, che da anni limita un’adeguata viabilità su questo asse, senza danneggiare la biodiversità.

Nella sentenza dello scorso 6 dicembre il Tar afferma che “dovendo procedere al completamento dell’asse viario (...) risulta logico riutilizzare un progetto che aveva già conseguito un giudizio di compatibilità ambientale”. Il giudice amministrativo ritiene dunque ammissibile la suddivisione in stralci ma solo perché, a suo giudizio, rientra nel progetto, finalizzato al completamento dell’opera, di un “recupero” del tracciato Viola nella sua interezza.

Rimangono comunque ancora da risolvere due importanti questioni: primo, in nessun documento di Anas messo a disposizione del pubblico si afferma che l’opera verrà completata riprendendo per intero il tracciato Viola; secondo, il tracciato Viola, pur valutato ambientalmente compatibile nel 2004, non è mai stato sottoposto a Valutazione di incidenza, oggi effettuata solo per il primo stralcio.

“Per ora la Valle del Mignone è salva – concludono Lipu, WWF, Italia Nostra e GrIG – ma vigileremo in modo costante affinché la progettazione del secondo stralcio proceda all’identificazione dell’alternativa meno dannosa per habitat e specie e a una valutazione complessiva delle incidenze sul sito Natura 2000 tenendo conto degli impatti cumulativi dell’intera opera”.

(LIPU – WWF - ITALIA NOSTRA – GRIG)
 

Marted├Č, 10 Gennaio 2023 09:45

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu.

Se non sei ancora socio puoi iscriverti alla Lipu per un anno, farai parte della nostra grande famiglia e riceverai ogni tre mesi un numero di Ali, la nostra rivista!

 

 

Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni