Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

Piccolo gufo non avere paura

Piccolo gufo non avere paura Francesca Manzia con il gufo curato dal CRFS Roma
Etichettato sotto

Quando arrivano nei nostri Centri gli animali selvatici di solito hanno paura di essere aggrediti. Ma questa volta c’è qualcosa di strano, il piccolo gufo reagisce in modo inaspettato.

Aiutare gli animali con il 5 per mille non ti costa nulla.Dimostra agli animali il tuo amore: con il 5 per mille alla Lipu proteggi il gufo, il pettirosso, l'albero, la volpe e tutta la natura italiana.

DONA IL 5 per mille alla LIPU Non ti costa nulla

Siamo al Centro Recupero Fauna Selvatica di Roma della Lipu, a Villa Borghese. Un ospedale per animali che cura gufi, ricci, ghiri, scoiattoli e altri animali selvatici. Il 26 gennaio il Centro ricovera un Gufo Comune che è stato abbagliato dai fari di un’auto e, di conseguenza, ha sbattuto contro il parabrezza.

Curare gli animali selvatici non è semplice. Un animale ferito o in difficoltà nella maggior parte dei casi non riesce ad interpretare i gesti di aiuto degli esseri umani. Pensano di essere aggrediti o, ancora peggio, di essere braccati. 

“Succede di frequente che i rapaci notturni si spingano a cacciare sulle strade, attirati da roditori e animaletti che a loro volta si sono smarriti. Il ricovero degli animali selvatici è sempre un’incognita perché, nella fase iniziale, non si conoscono le reali condizioni dell’animale” racconta Francesca, responsabile del Centro Recupero.

Il piccolo gufo ha un trauma cranico e lievi sintomi neurologici, ma per fortuna non presenta né fratture né ferite. Viene monitorato e imboccato perché non si sa se sia capace di mangiare da solo. Dopo solo sue giorni sembra stare meglio, è vigile e risponde agli stimoli. E dopo 5 o 6 giorni viene spostato nella voliera.

Emergenza CentriAiuta un animale in cura nei Centri Recupero. Permetti di guarire a una volpe ferita, un riccio smarrito o un piccolo rapace caduto dal nido. Aiutaci a curarli, dona ora.

cura un animale ferito basta una piccola donazione

Ma stare bene non basta. Gli animali selvatici non sono consapevoli delle cure che stanno ricevendo e a volte basta poco per agitarsi e farsi del male all’interno delle voliere, ma non è il caso del piccolo gufo: «Lui è stato un vero paziente modello, era spaventato ma tranquillo e ha pienamente collaborato». Passano venti giorni e il paziente è già pronto per lasciare il Centro Recupero e tornare in natura.

Domenica 21 febbraio in una bella giornata di sole il gufo viene liberato nell’Oasi Lipu di Castel di Guido. Prende subito il volo staccandosi dal braccio di Francesca che lo sostiene, vola perfettamente e va subito a nascondersi tra gli alberi del bosco vicino.

Perché è questo l’obiettivo dei Centri Lipu: fare in modo che gli animali tornino a vivere liberi in natura.

 

 

 

  • Aiuta i Centri Recupero
  • Con una semplice donazione puoi scrivere il lieto fine di tante storie come questa, sostenendo il lavoro dei Centri Recupero Lipu.
  • Call to action 1 Immagine

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Acconsenti all'uso dei cookie Chiudendo questo banner.
Per saperne di più è possibile consultare l'informativa sulla Privacy di Lipu.