Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

Se ami gli animali ti riempiono la vita, la storia di Angela

Se ami gli animali ti riempiono la vita, la storia di Angela

Il rumore dei calabroni, il ronzio, per me è una musica. E’ sempre stata una musica, è bellissimo ascoltarli.

Sono sempre stata una bambina diversa, ho sempre avuto una sensibilità speciale per gli animali. Dagli uccellini caduti dai nidi, raccolti e allevati, le rane, i gatti. Tutto mi chiamava. Sono nata così, sono sempre stata così.

Ero spesso sola, ma gli animali hanno riempito la mia vita di ricordi bellissimi. Tornavo da scuola, a piedi (allora i bambini andavano e tornavano da scuola da soli, non avevano bisogno di essere accompagnati) e c’erano dei giardinetti, ero piccola, ero alle elementari, settant’anni fa. Abitavo in centro, a Milano, eppure tutto intorno a casa mia c’erano dei prati e io trovavo sempre qualcosa. A volte portavo a casa una rana, ma mia mamma non voleva, me la faceva sparire. Quando d’estate mi mandavano in colonia raccoglievo anche le cavallette e le lumache. Le portavo nel dormitorio, le lumache si arrampicavano sui muri e le suore me ne dicevano di tutti i colori.

Ricordo ancora quando i vicini mi hanno detto che una gattina era stata buttata dal balcone. Nel mio quartiere sapevano di questo mio amore per gli animali, così mi hanno subito avvertita. Sono corsa a prenderla, l’ho portata a casa. Mia madre mi ha detto Proviamo a tenerla per una notte. La gattina non aveva subito traumi e la mamma mi ha permesso di tenerla con noi. E’ stata un’emozione indescrivibile, poter finalmente tenere un gatto per me era tutto. Mi riempiva la vita. Da quel giorno ho sempre avuto dei gatti a farmi compagnia. Oggi ho una gatta, la Minou che oramai ha una certa età, e meno male che ho lei.

Così come la passione per gli animali ho la passione per la natura, tutto è collegato. Con le piante del mio balcone ci parlo e le accarezzo, le curo, le sento. Forse è per questo che sono così belle. A me basta guardare una pianta e sento subito se ha bisogno di qualcosa. Oggi vado poco in giro (ci vedo poco e non riesco a distinguere i volti) ma se passa un gatto lo vedo, se passa un cane lo vedo. Ero crocerossina, questo spirito di aiutare ce l’ho proprio dentro, è nel mio DNA di occuparmi di chi ha problemi, gli animali, le piante, le persone. Una vita costellata di animali raccolti e portati con me, non sopporto di vederli soffrire. Tutti quelli che amano gli animali hanno sicuramente storie simili da raccontare, perché se ami gli animali non puoi rimanere indifferente.

Penso che se i bambini e i ragazzi di oggi avessero più ricordi di natura e di animali la mentalità potrebbe cambiare.

Perché lo so, non tutti nascono con un’empatia come la mia, ma l’amore per gli animali e la natura se lo si insegna, a partire dalla scuola, si può imparare. Bisogna insistere perché i bambini assorbono tutto, sono molto attenti, molto più di quanto la gente pensa. Bisogna agire molto in questo senso, parlarne, divulgare e allora si sensibilizzano le persone.

Da tempo penso a come potrò aiutare gli animali quando non ci sarò più. All’inizio ero un po’ perplessa. Conosco gli esseri umani e so che non ci si può fidare di tutti. Poi ho conosciuto la Lipu e mi sto informando sui loro progetti. Se i soldi sono spesi bene, se le associazioni agiscono per proteggere gli animali, evitare sofferenze inutili e cambiare le leggi balorde: allora ben venga e credo che sia giusto destinarli a queste finalità. La natura e gli animali hanno significato tanto nella mia vita e voglio che anche quando non ci sarò più in qualche modo continuerò ad aiutarli.

La cosa che spero di più è che in futuro gli animali, tutti gli animali, saranno trattati meglio perché oggi ci sono tante cose di come gli uomini trattano gli animali che mi angosciano e ci penso ogni giorno. Se usiamo bene i nostri sentimenti, se li diffondiamo, ci saranno sempre più persone che riflettono sulle conseguenze delle loro azioni, ci sarà più attenzione e rispetto per gli animali.

Questa storia ti tocca da vicino?

Sono Rossana Bigliardi e lavoro alla Lipu. Oggi la Lipu è una grande associazione con più di 30.000 sostenitori, ma io la conosco da quando stava tutta in un garage. Se la storia di Angela ti ha toccato il cuore e, come lei, vuoi valutare la possibilità di fare una scelta importante come una grande donazione o un lascito testamentario in favore di animali e natura, parlane con me. Risponderò alle tue domande su lasciti e grandi donazioni.

Per contattarmi puoi scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare il numero 0521 1910711, nella massima riservatezza. Oppure chiedi di essere ricontattato o scarica l'opuscolo informativo compilando il modulo qui sotto:

I tuoi dati
Richiedi maggiori informazioni

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno. Entra nella nostra grande famiglia!

[No form id or name provided!]