Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

Isola Bianca

Isola Bianca Picchio Rosso Maggiore (foto L. Felcher)
Località Ferrara - L'Oasi si trova lungo il corso del Po alla periferia Nord della città di Ferrara.
Apertura al pubblico L'Oasi attualmente non è visitabile. Rimane in concessione alla Lipu, che si occupa della sorveglianza della garzaia e della gestione del piccolo Centro Visite (punto di partenza per eventuali escursioni dell'Associazione lungo l'argine del fiume Po).
Come arrivare In autostrada A13 (Bologna-Padova), uscendo a Ferrara Nord, quindi imboccare la strada statale n. 16 in direzione Rovigo, fino a raggiungere dopo pochissimi chilometri Pontelagoscuro. Dall'abitato si prende la via Ricostruzione con direzione Est per Francolino, circa 300 metri dopo il sottopassaggio ferroviario c'è il Centro visite. In treno: arrivare alla stazione di Ferrara e poi prendere l'autobus n. 11, fermata di Pontelagoscuro, quindi proseguire a piedi per 500 metri lungo via Ricostruzione fino al Centro visite.
Altre informazioni superficie: 360 ettari
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono 0532 772077
Responsabile Lorenzo Borghi

L'Isola Bianca è una delle più antiche isole fluviali del fiume Po. Sembra che l'isola fosse già esistente al tempo degli Estensi (1400-1500), che la usavano per le feste estive all'aperto. Oggi l'Isola Bianca è un Oasi di protezione faunistica della Provincia di Ferrara e affidata in gestione alla Lipu.

Istituita nel 1991, l'Oasi comprendeva allora solamente l'isola (circa 40 ettari). Negli anni successivi sono stati aggiunti terreni golenali fino ad arrivare agli attuali 360 ettari. La gestione è affidata alla Lipu, in collaborazione con la Provincia e il Comune di Ferrara che hanno individuato l'area fin dal 1986 come Oasi di protezione faunistica.

Habitat

Il fatto di essere circondata dall'acqua e completamente ricoperta di vegetazione (spesso i cespugli ospitano liane quali il Luppolo e la velenosa Brionia) fanno dell'Oasi dell'Isola Bianca un habitat particolarmente ricco di uccelli: ben 82 specie sono state identificate nell'arco di tutto l'anno. Il Picchio rosso maggiore, simbolo dell'Oasi per la sua costante presenza, convive con il più raro Picchio verde dalla caratteristica risata. La Garzaia di circa 300 nidi ospita cinque specie nidificanti: la Nitticora, la Garzetta, l'Airone cenerino, Sgarza ciuffetto e Airone guardabuoi, ultimo arrivato in ordine di tempo.

Altre specie osservabili sono poi Martin pescatore, il Cavaliere d'Italia, il Rigogolo, il Torcicollo, l'Assiolo, lo Sparviere, il Basettino, il chiassoso Cannareccione e la Cannaiola. Come svernanti non mancano mai il Cormorano, lo Svasso maggiore che pesca nel ramo laterale del fiume, il Tuffetto, il Germano reale, il Moriglione e tra i rapaci diurni, la Poiana e il Gheppio.

 

Sostieni questo paradiso di biodiversità, aiuta le Oasi LipuCon una donazione puoi permettere ad Oasi e Riserve di sopravvivere e agli animali di rimanere liberi e protetti nei loro preziosi habitat naturali.

AIUTA L'OASIcon una piccola donazione

Servizi e strutture

I visitatori sono necessariamente traghettati sull'Isola con una barca a fondo piatto molto stabile e sicura. L'Oasi Isola Bianca è l'unica area protetta italiana dotata di un'apposita guida in Braille per i non vedenti, a riprova dell'interesse della Lipu a parlare di natura al maggior numero di persone possibili, anche quelle meno fortunate. Si può percorrere e visitare l'Oasi Isola Bianca utilizzando un Sentiero Natura, lungo circa 2,5 chilometri che si sviluppa attraverso sambuchi, salici, querce, rovi e luppolo. L'Oasi Isola Bianca è inoltre dotata di un piccolo Centro Visite con annessa aula didattica frequentata da scolaresche. Il vicino circolo nautico ed un ampio parcheggio possono consentire una comoda sosta con automezzi e camper praticamente quasi sulle rive del fiume.

Da visitare in zona

La città di Ferrara con i suoi monumenti (il Castello Estense su tutti) è sicuramente l'attrazione principale, mentre il corso del Po, con gli argini maestri e le numerose strade carrarecce che ne attraversano la golena, ben si presta a varie escursioni, soprattutto disponendo di biciclette e mountain-bike.

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno. Entra nella nostra grande famiglia!

I TUOI DATI
SCEGLI LA TUA QUOTA ASSOCIATIVA

Indica la quota associativa (nel campo "Di che specie sei") e la modalità iscrizione alla Lipu. Se sei della specie "famiglia" scrivi nel campo note il nome e cognome dei componenti della tua famiglia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Acconsenti all'uso dei cookie Chiudendo questo banner.
Per saperne di più è possibile consultare l'informativa sulla Privacy di Lipu.