Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

Voto Ue sull'energia: brutte notizie per il pianeta

Voto Ue sull'energia: brutte notizie per il pianeta
Etichettato sotto

Il voto del Parlamento europeo di oggi offre ancora un altro drammatico colpo al nostro pianeta. Radere al suolo intere foreste per soddisfare la nostra richiesta di energia rilascerà enormi quantità di carbonio nella nostra atmosfera.

Carbonio che altrimenti verrebbe immagazzinato nelle foreste. Trasformare la terra in piantagioni di biocarburanti significa distruggere la natura e sfrattare le comunità locali. Un crimine evitabile se solo si ricorresse all’energia eolica e solare, i cui impianti, se posizionati correttamente, offrono alternative praticabili. L'energia derivante dalle biomasse dovrebbe essere limitata all’uso di scarti e residui di lavorazione del legno, non a interi alberi, foreste o a produzioni derivanti da terreni dove si dovrebbe produrre cibo. Tali risultati perversi non aiutano nella lotta contro il cambiamento climatico.

Mentre gli eurodeputati hanno mostrato buone (ma insufficienti) ambizioni nel voler mitigare il clima votando per un obiettivo di energie rinnovabili del 35%, essi hanno in gran parte vanificato il significato di tali obiettivi garantendo che la maggior parte di essi sarà comunque soddisfatta con una biomassa insostenibile. I deputati non sono riusciti a fermare l’uso di cippato e alberi interi a fini energetici. Hanno anche sostenuto un dannoso nuovo obiettivo di "energia rinnovabile nel settore dei trasporti" del 12%, di fatto aumentando il target per i biocarburanti. Hanno anche fissato il futuro limite del contributo di biocarburanti ricavati da colture agricole ai livelli del 2017, pari ad un massimo del 7%, ossia il doppio del livello proposto dalla Commissione per il 2030. Un piccolo passo positivo è lo spostamento del focus sui carburanti maggiormente sostenibili, tra cui l’elettrico.

Matt Williams, responsabile delle politiche di BirdLife Europe: "Questo risultato è un'enorme delusione: il voto aumenterà in modo massiccio lo sfruttamento delle foreste all'interno e all'esterno dell'UE, danneggiando gli habitat e la fauna selvatica, aumentando potenzialmente le emissioni invece di ridurle".

Tra le note positive, i deputati europei hanno almeno agito per contribuire a migliorare la coerenza generale con gli obiettivi di protezione della natura dell'UE durante la fase di transizione energetica. Hanno supportato un approccio spaziale strategico alla pianificazione energetica. Hanno respinto una proposta pericolosa che intendeva dare la priorità a grandi progetti di energia rinnovabile di interesse transfrontaliero senza salvaguardie politiche che avrebbero minato le Direttive sulla salvaguardia della natura proprie dell'UE e la protezione vitale che forniscono alla nostra fauna e ai nostri habitat.

Alice Collier, responsabile delle politiche di BirdLife Europe: "Sebbene il Parlamento europeo abbia sprecato un’occasione per disciplinare correttamente le bioenergie, esso ha almeno riconosciuto la necessità per gli Stati membri di evitare un futuro conflitto costoso e dispendioso tra energia genuinamente rinnovabile e biodiversità adottando un approccio più strategico per la pianificazione energetica in tutta Europa”.(comunicato stampa di BirdLife Europa, di cui la Lipu è partner per l'Italia)

Mercoledì, 17 Gennaio 2018 10:19

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno. Entra nella nostra grande famiglia!

I TUOI DATI
SCEGLI LA TUA QUOTA ASSOCIATIVA

Indica la quota associativa (nel campo "Di che specie sei") e la modalità iscrizione alla Lipu. Se sei della specie "famiglia" scrivi nel campo note il nome e cognome dei componenti della tua famiglia.