Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

"I signori degli anelli": il video sul sequestro e la liberazione degli uccelli detenuti in alcuni allevamenti romagnoli

Foto Mario Pedrelli Foto Mario Pedrelli
Etichettato sotto

Concluse le operazioni dei Carabinieri forestali di Forli Cesena, in collaborazione con ornitologi della Lipu, su alcuni allevamenti di uccelli selvatici della provincia: sequestrati 2.000 uccelli vivi tra tordi, merli, cesene e allodole, cinque le persone deferite all’autorità giudiziaria - gli uccelli sono stati in parte gia’ liberati in natura.

Oltre 2mila uccelli sequestrati e 5 persone deferite all’autorità giudiziaria. E’ l’esito di una grossa operazione che i Carabinieri Forestali del Gruppo Forli-Cesena, coadiuvati da ornitologi della Lipu e dai veterinari dell’Asl, hanno effettuato nel mese di gennaio di quest’anno in alcuni allevamenti di avifauna selvatica nella provincia di Forli-Cesena. Gli uccelli sequestrati appartenevano alle specie tordo bottaccio, tordo sassello, merlo, cesena e allodola. Nello specifico i militari della Forestale hanno passato al setaccio diversi allevatori di avifauna selvatica accertando che numerosissimi uccelli detenuti per la vendita erano sprovvisti degli anelli identificativi chiusi che, per legge, devono essere apposti alle zampe degli animali entro 10 giorni dalla nascita diventando inamovibili con la crescita dell'animale, attestando così l'origine lecita degli esemplari in virtù del codice identificativo univoco impresso su ogni anello. Altri animali erano provvisti di anelli di dimensioni superiori al consentito, che erano amovibili e pertanto non idonei a garantire che gli esemplari fossero nati negli allevamenti. E altri ancora avevano anelli manomessi, allargati per poter essere inseriti alle zampe di animali adulti catturati illegalmente in natura con reti o trappole, e poi ristretti attorno alle zampe per restituire all'anello le forme originarie ed ingannare i controllori.  Un’ulteriore pratica illegale si ottiene applicando alla zampa degli animali degli anelli genuini ma di misure superiori, destinati cioè a specie avifaunistiche di dimensioni corporee maggiori: in tal caso i diametri maggiori interno ed esterno facilitano l’inserimento dell’anello ad animali già adulti. Gli animali così illegalmente marcati vengono falsamente registrati come “nati in allevamento” sui registri di carico e scarico in uso ai singoli allevamenti e poi avviati alla vendita a scopo ornamentale, come richiami vivi nell’esercizio venatorio da appostamento, come soggetti riproduttori per altri allevamenti oppure per essere utilizzati nelle mostre ornitologiche a fini espositivi.  Nel corso delle perquisizioni svolte sono state trovate e sequestrate anche pinze e presse, una ancora sporca di sangue, impiegate per le illecite operazioni di restringimento degli anelli nonché anelli alterati. Alla base di queste prassi illecite ci sono precisi interessi economici: allevare e svezzare pullus di uccelli di specie selvatica in cattività risulta particolarmente oneroso in termini di tempo e risorse e quindi è diffusa fra alcuni allevatori la prassi illecita di acquisire esemplari adulti sul mercato nero degli uccelli selvatici, illegalmente catturati in natura con reti, trappole ed altri strumenti illeciti, per poi marcare gli animali già adulti con i contrassegni identificativi del proprio allevamento con le modalità illecite sopra descritte, registrarli come “nuovi nati in allevamento” sui registri di carico e scarico e come tali venderli. Tale commercio risulta particolarmente redditizio a livello economico con prezzi di singoli esemplari che raggiungono anche diverse centinaia di euro; il valore complessivo degli esemplari sottoposti a sequestro è stimato attorno ai 150.000 euro.  Gli uccelli sequestrati durante i controlli sono stati in parte già reintrodotti in natura ad esclusione di quelli che risultavano temporaneamente inabili al volo: questi ultimi sono stati portati al centro di recupero "Il pettirosso" di Modena per le cure riabilitative e il successivo reinserimento in natura.

(Comunicato stampa dei Carabinieri forestali)
 

Venerdì, 01 Marzo 2019 08:49

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno oppure puoi rinnovare la tua quota associativa, e farai parte della nostra grande famiglia!

I TUOI DATI
SCEGLI LA TUA QUOTA ASSOCIATIVA

Indica la quota associativa (nel campo "Di che specie sei") e la modalità iscrizione alla Lipu. Se sei della specie "famiglia" scrivi nel campo note il nome e cognome dei componenti della tua famiglia.



Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni