Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia

"Novara in rete": ecco le aree ricche di biodiversità

"Novara in rete": ecco le aree ricche di biodiversità
Etichettato sotto

Trenta esperti e ricercatori hanno individuato le aree “importanti per la biodiversità” e le loro connessioni ecologiche, dove vivono le specie animali e vegetali della Provincia di Novara, per ridare mobilità alla fauna selvatica attraverso la realizzazione di opere come sottopassi, aree boscate e zone umide.

Tutto ciò grazie al progetto Novara in Rete - Studio di fattibilità per la definizione della rete ecologica In Provincia di Novara, reso possibile da un’importante partenariato tra Lipu-BirdLife Italia, capofila del progetto, Provincia di Novara, Regione Piemonte, Arpa Piemonte e Università degli studi di Pavia, sostenuto da Fondazione Cariplo.
Fu nel marzo 2014 che prese il via lo Studio di fattibilità, in una prima fase con il coinvolgimento di oltre 30 esperti e ricercatori che hanno individuato le aree “importanti per la biodiversità” per le specie animali e vegetali della Provincia. Questo studio ha consentito di riconoscere specie e habitat di interesse conservazionistico, nonché la loro distribuzione territoriale. L’analisi è quindi culminata con l’individuazione delle connessioni ecologiche, grazie anche a un intenso lavoro di ricognizione e studio sul campo, integrato dalla modelizzazione digitale messa a punto da Arpa Piemonte. In seguito, grazie a uno studio urbanistico, è stato effettuato un inquadramento amministrativo con lo scopo di analizzare la pianificazione territoriale vigente nelle diverse aree di potenziale connessione ecologica e verificarne la coerenza con gli obiettivi del progetto.
Nell’ultima fase è stato redatto in concreto lo studio di fattibilità, con la progettazione degli interventi di connessione, tra cui sottopassi stradali, la rimozione di ostacoli lungo i corsi d’acqua e la creazione di zone umide e fasce boscate a favore della fauna. La progettazione di tali interventi permetterà in futuro di reperire con maggiore facilità le risorse economiche per realizzare concretamente queste opere.
“Il progetto – dichiara Claudio Celada, Direttore Dipartimento di conservazione della natura della Lipu - ha avuto quindi l’obiettivo primario di delineare una rete ecologica, basata su solide basi naturalistiche, che colleghi tra loro le numerose aree sorgenti di biodiversità presenti, garantendo continuità tra l’area pedemontana a nord e l’area di pianura a sud, e quindi un passaggio tra l’arco alpino e la pianura padana verso l’Appennino”.

Le reti ecologiche sono “autostrade verdi” fondamentali per la conservazione della biodiversità. Permettono alle specie di spostarsi da un’area protetta ad un’altra, per trovare cibo, rifugio, nuovi territori e riprodursi. Se questi collegamenti vengono interrotti dall’avanzata dell’urbanizzazione e dalle infrastrutture, le popolazioni delle diverse specie restano intrappolate all’interno di spazi ristretti indebolendosi e rischiando l’estinzione locale. Altrettanto fondamentale è conoscere e salvaguardare le “aree sorgenti” di biodiversità, ossia le aree di grandi dimensioni ancora ben conservate che consentono la sopravvivenza delle popolazioni vitali di specie animali e vegetali.
“Durante le diverse fasi – dichiara Matteo Besozzi, Presidente della Provincia - le amministrazioni comunali interessate sono state coinvolte in un processo di analisi dei loro strumenti urbanistici, andando così ad individuare i punti di frizione e le possibili soluzioni tecniche e amministrative da mettere in atto per conservare le aree ricadenti nella Rete ecologica. Nella mattinata del 17 Novembre, le amministrazioni Comunali si ritroveranno, insieme ai partner di progetto per un confronto collettivo finale che porrà le basi per le future azioni di protezione di queste aree”.

Sempre il 17 novembre, ma nel pomeriggio, i risultati del progetto, verranno illustrati a tutta la cittadinanza in un convegno dal titolo Vive solo chi si muove, che vedrà la partecipazione, oltre che dei ricercatori e dei professionisti che hanno lavorato allo studio di fattibilità, anche dei tecnici di Provincia e Regione che illustreranno come tale studio si armonizzerà con le future politiche locali.
Al convegno interverranno anche Alberto Valmaggia, Assessore regionale all'Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Parchi, Giuseppe Cremona, Consigliere provinciale e Paolo Siccardi di Fondazione Cariplo.
L’appuntamento è fissato alle ore 14.00 presso la Sala consigliare, Palazzo Natta - Piazza Matteotti 1 a Novara.

 

Martedì, 15 Novembre 2016 11:14

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno oppure puoi rinnovare la tua quota associativa, e farai parte della nostra grande famiglia!

I TUOI DATI
SCEGLI LA TUA QUOTA ASSOCIATIVA

Indica la quota associativa (nel campo "Di che specie sei") e la modalità iscrizione alla Lipu. Se sei della specie "famiglia" scrivi nel campo note il nome e cognome dei componenti della tua famiglia.



Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni