Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia
Domenica, 06 Ottobre 2013 19:02

Chi siamo

La Lipu è l’associazione per la conservazione della natura, la tutela della biodiversità, la promozione della cultura ecologica in Italia.

Con 30.000 sostenitori, quasi 100 Sezioni locali, oltre 600 volontari attivi, decine di operatori, tecnici, educatori, la Lipu è un punto di riferimento per la difesa della natura in Italia. Curiamo ogni anno più di 15.000 animali selvatici in difficoltà in numerosi Centri Recupero o di Primo Soccorso in varie parti d’Italia. Gestiamo 30 Oasi e Riserve dove la natura è protetta e la gente può visitarla, conoscerla, innamorarsene.

Siamo una grande comunità di soci, volontari, operatori, convinti che l’ambiente abbia un ruolo molto importante per le persone e per la società. Vogliamo un mondo in cui la gente viva in armonia con la natura, in modo equo e sostenibile, e ci battiamo quotidianamente per questo.
Gli uccelli sono il simbolo, l’orizzonte della Lipu. La loro presenza, i canti, i voli, i colori rappresentano la bellissima speranza di un mondo migliore.

La storia della Lipu La storia della Lipu
 

Scopri la storia della Lipu dalla sua nascita, nel 1965, a oggi. Le sfide, i progetti e le persone che ci hanno reso quello che siamo. Leggi tutto

Gli organi istituzionali Gli organi istituzionali
 

La Giunta esecutiva e il Consiglio nazionale della Lipu sono costituiti da persone che rappresentano le idee e gli obiettivi di tutti i soci Lipu. Leggi tutto

Le sezioni locali Le sezioni locali
 

La forza della Lipu sta nella passione di tanti volontari e nel loro impegno quotidiano sul territorio.

Trova la sezione locale Lipu più vicina a te.
 
Lo staff Lo staff
 

La grande famiglia della Lipu è fatta di persone che lavorano ogni giorno dalla parte della Natura. Scopri chi fa parte del nostro staff

Lo statuto Lo statuto
 

Lo statuto è il certificato di nascita di ogni associazione e contiene gli obiettivi, e gli scopi che ci uniscono nel nostro lavoro insieme. Leggi lo statuto della Lipu

Il bilancio Il bilancio
 

La Lipu è una ODV, un'associazione senza fini di lucro che può lavorare grazie ai contributi di privati, aziende e pubbliche amministrazioni. Leggi il nostro bilancio

 
Dove siamo Dove siamo
 

La sede nazionale della Lipu si trova a Parma, ma ci puoi trovare in tutta Italia con le nostre sezioni locali, le Oasi e i Centri di Recupero. Scopri dove siamo

Birdlife Birdlife
 

La Lipu è il partner italiano di BirdLife International, la più grande federazione mondiale di associazioni per la conservazione degli uccelli e della biodiversità. Leggi tutto

Contattaci Contattaci
 

Tutti i contatti della Lipu, dalla sede nazionale alle sezioni locali. Leggi tutto

 
Mercoledì, 02 Ottobre 2013 19:26

Come osservare la nidificazione

Osservare l'attività di un nido artificiale occupato è un'esperienza che richiede molta attenzione per evitare di mandare a monte la nidificazione.

A titolo informativo, qui di seguito sono riassunte le fasi riproduttive degli uccelli:
INVERNO: ispezione del nido da parte degli adulti (il maschio, generalmente). TARDO INVERNO/PRIMAVERA: attività territoriali del maschio con canto e parate nei pressi del nido, formazione della coppia, ispezione del nido da parte della coppia. PRIMAVERA: trasporto materiale per imbottire la cavità, frequenti visite mentre l'altro partner cova le uova, visite più frequenti dopo la schiusa delle uova e la nascita dei pulcini, con trasporto di insetti nel becco e allontanamento dei sacchi fecali. PRIMAVERA/ESTATE: involo dei giovani, nutrizione dei giovani fuori dal nido per alcuni giorni prima dell'indipendenza.

Attenzione: molte specie, dopo la prima covata possono ripeterne una seconda e anche una terza.

Conoscendo le sequenze della fase riproduttiva è possibile compiere interessanti osservazioni. Chi è appassionato può anche effettuare buone fotografie.
È necessario sapere che le fasi più delicate sono quelle della scelta del nido e dell'incubazione. Bisogna evitare in alcun modo di disturbare gli uccelli in questi momenti. Quando si avverte che è in atto la cova, si potrà ispezionare il nido usando una scala e alzando il coperchio solo quando nessun adulto è presente all'interno. Si deve anche evitare di alterare la disposizione esterna della vegetazione. Simili disattenzioni possono indurre gli uccelli ad abbandonare nido e covata.
Lo stesso vale quando ci sono i pulcini. Anche se in questa fase i genitori raramente abbandonano la nidiata, un disturbo può far propendere gli adulti a non usare più quel nido per il futuro.

Tempi i incubazione e allevamento dei piccoli di alcune specie ospiti dei nidi artificiali

Specie Giorni di incubazione delle uova Giorni di allevamento dei pulcini nel nido
Ballerina bianca 12-14 13-16
Cinciallegra 13-14 16-22
Cincia mora 14-18 16-19
Cinciarella 12-16 15-22
Codirosso 11-14 14-20
Merlo 11-17 12-19
Passera mattugia 11-14 12-14
Passera d'Italia 11-14 15
Pettirosso 14-18 23-25
Picchio muratore 12-14 13-16
Pigliamosche 11-15 12-14
Rampichino 15 16-17
Scricciolo 14-17 15-20
Storno 12-15 20-22
Torcicollo 12-14 19-21
Nota: Le date di incubazione e di involo dal nido sono comunque variabili in relazione a molti fattori quali la dieta, le condizioni climatiche, la latitudine, l'altitudine. I dati riportati sono la media di molti rilevamenti.

Quali specie osservare

Avere un nido a "portata di binocolo" offre infinite possibilità di osservazioni ed interessanti "scoperte:, riferite a una delle più importanti, complesse e affascinanti attività della vita di un uccello: la riproduzione.
Lo schema della sequenza di fasi riproduttive riproposto nel precedente capitolo indica quali possano essere i comportamenti da osservare. In particolare, semplificando molto, possiamo dividere:

Comportamenti territoriali
È quasi sempre il maschio che si impegna nella difesa del territorio, sia cantando da ben precise postazioni, sia inscenando posture e display competitivi.

Rituali di corteggiamento aggressivi e di rinforzo della coppia
I rituali di corteggiamento sono spesso ripetuti anche dopo l'accoppiamento e servono per cementare la coppia. Molto frequente è l'offerta di cibo da parte del mschio alla femmina che lo riceve simulando un comportamento infantile, emettendo cioè flebili pigolii, in posizione abbassata, con la bocca spalancata e facendo fremere e tremare le ali: proprio come un pulcino all'imbeccata.

Comportamenti aggressivi e di allarme
Attacchi sono in genere compiuti da parte del maschio verso intrusi della stessa specie sconfinati nel suo territorio, o anche verso altri uccelli o animali che si avvicinano troppo al nido. Comprendono versi di allarme e minaccia, rincorse e vere e proprie zuffe.

Cure parentali
I comportamenti parentali variano dal mantenimento della pulizia del nido (allontanando le feci dei pulcini avvolte in speciali "sacchi fecali" da parte degli adulti), alla nutrizione.

I giovani appena usciti dal nido e a malapena in grado di volare sono ancora seguiti, difesi e nutriti dai genitori per diversi giorni. Se si rinviene un piccolo caduto dal nido, lo si dovrà semplicemente ricollocare in altro tra al vegetazione: i genitori risponderanno alle sue richieste di cibo. Sono disponibili ulteriori informazioni sul pronto soccorso per animali feriti. Potete consultare anche il sito RecuperoSelvatici.it.

Mercoledì, 02 Ottobre 2013 19:22

Quando e come installare un nido artificiale

Il periodo migliore per installare un nido è in autunno-inverno. Gli uccelli nidificano in genere in primavera, e le specie considerate non avviano generalmente la costruzione del nido prima di marzo.

È molto importante che il nido sia posizionato con largo anticipo. Questo per promuovere la confidenza della nuova struttura con gli uccelli che frequentano la zona e dare loro la possibilità di ispezionarlo accuratamente. Installazioni troppo anticipate producono infatti molti inconvenienti: maggiore usura del legno, invasione della cavità da parte di insetti e ragni ancora attivi (in estate o primo autunno) o roditori in cerca di un posto per ibernarsi (come il moscardino). Anche in questi ultimi casi, peraltro piacevoli e interessanti, il nido comunque non sarà utilizzato dagli uccelli. Per questo stesso motivo dopo la riproduzione, in estate, il nido può essere rimosso, pulito e poi reinstallato l'autunno successivo.

Importante per il successo dell'occupazione è come viene posizionato e dove. La scelta del sito non è difficile ma deve essere accorta. Vanno privilegiate zone tranquille anche se vicine a zone interessate da vostre attività quotidiane: non sono rari casi di cince o pigliamosche che hanno occupato nidi fissati sotto la balaustra o sopra la porta di un appartamento. Importante è il nido non sia troppo visibile e isolato, e soprattutto accessibile dall'uomo. Un angolo "ignorato" del giardino è l'ideale.
Altra regola essenziale è non disturbare l'attività degli uccelli presso il nido. Una volta scelto il sito e posizionato il nio dimenticatelo per un po'. Sarà il volo degli occupanti a richiamare la vostra attenzione in primavera.
Il nido può essere inchiodato o legato (meglio la prima soluzione, a meno che non debba essere fissato ad un albero) e preferibilmente leggermente inclinato verso il basso. L'esposizione migliore è quella rivolta verso Ovest, e l'apertura non deve essere esposta al sole o agli agenti atmosferici. L'ancoraggio deve essere comunque ben saldo.


Orientamento del nido:
il nido va fissato leggermente inclinato verso il basso per proteggerlo dagli agenti atmosferici.

Come installare i nidi

1. Il luogo deve essere riparato e tranquillo.
2. Il nido deve garantire una facile accessibilità e non essere troppo coperto dalla vegetazione. La presenza di una libera traiettoria di volo è essenziale per la maggioranza edlle specie.
3. L'altezza di applicazione dipende dalla specie, ma in generale l'altezza preferenziale è di poco superiore ai tre metri.
4. Il nido non deve essere mai inclinato verso l'alto, ma in posizione parallela al suolo o leggermente inclinato verso il basso per essere riparato da pioggia e sole.
5. Il supporto deve essere ben saldo e poco oscillante, e il fissaggio del nido ben sicuro.
6. Certe specie come Scricciolo e Merlo preferiscono nidi inseriti in vegetazione fitta come edera e cespugli, ma sempre tale da permettere un accesso agevole al primo posatoio da cui poi, usando la vegetazione, sia possibile raggiungere l'entrata.

Mercoledì, 02 Ottobre 2013 19:14

Come costruirsi un nido artificiale

Costruirsi un nido artificiale è semplice, e basta seguire certe indicazioni soprattutto in relazione alle dimensioni delle varie parti. Riportiamo di seguito le misure ideali in relazione alle specie più comuni.

Specie Retro Lati Fronte Diam. foro Base >Da base a foro
Cinciallegra 37.5 25-27.5 20 25 2.8 10x10 17.5
Cinciarella 37.5 25-27.5 20 25 2.5-2.8 10x10 17.5
Codirosso 25 27.5-30 22.5 27.5 2.8-5 12.5x12.5 20
Passera d'Italia 42.5 30-32.5 22.5 30 3.8 15x15 22.5
Picchio muratore 37.5 25-27.5 20 25 2.8-3.8 10x10 17.5
Pigliamosche 37.5 25-27.5 20 25 3.1-3.8 10x10 17.5
Scricciolo 37.5 25-27.5 20 25 5 10x10 17.5
Storno 50 37.5-40 30 37.5 5 22.5x22.5 30
Torcicollo 37.5 25-27.5 22.5 25 3.8-4.3 12.5x12.5 17.5


Esploso di un nido a cassetta

Le dimensioni e i rapporti elencati nella tabella sono ideali per attirare una specie anziché altre. Misure intermedie sono comunque ottime per due o più specie.
I nidi standard della Lipu hanno misure tali da essere adatti ad accogliere dalla Cinciallegra alla Passera d'Italia.
Per costruire un nido artificiale a cassetta si devono seguire le indicazioni generali di taglio, scegliendo le misure in base a quelle riportate nella tabella.

Le generalità di taglio per un nido a cassetta aperta sono pressoché le stesse con una sola variante per la parte frontale.

Nel caso di un "fai da te" è importante sapere che lo spessore del legno preferibile è di circa 2 cm. Spessori inferiori possono essere accettabili utilizzando compensato, meglio se resinato al fine di evitare imbarcature e scollamenti.
Il legno è meglio che non sia trattato di recente con oli o creosoto o resine che tendono a conferirgli maggiore impermeabilità e resistenza agli agenti atmosferici. Un eventuale trattamento va realizzato con largo anticipo sull'apposizione, lasciandolo all'esterno perché perda le esalazioni. Anche se gli uccelli hanno un odorato estremamente labile sembra che non apprezzino nidi con legno impregnato di recente.
In certi casi è preferibile che la base del nido sia dotata di uno o due fori per facilitare il deflusso di eventuale acqua infiltrata. Le cerniere che fissano il coperchio e lo rendono apribile possono essere metalliche, ma una striscia di materiale plastico gommoso (tipo linoleum) rappresenta la migliore soluzione.
Altri piccoli ma importanti accorgimenti si riferiscono al miglioramento dell'accessibilità al nido attraverso l'apposizione di un bastoncino fissato poco sotto l'ingresso per fungere da posatoio prima di entrare; oppure scalfire il margine inferiore del foro d'entrata per facilitare la presa delle zampe.

 

Mercoledì, 02 Ottobre 2013 19:04

Nidi per uccelli di bosco, campagna e città

I nidi a cassetta si dividono in modelli "con foro d'entrata" (o chiusi) e modelli "aperti". Come vedremo più avanti, infatti, certe altre specie non nidificano in vere e proprie cavità, ma cercano piuttosto dei ripari e amano nidi a cassetta, con ampia apertura frontale.

I nidi artificiali più tipici per le piccole specie di uccelli canori che frequentano boschi, campagne e città sono detti a "cassetta postale". Questo tipo di nido ha un coperchio apribile ed un foro d'ingresso. Il modello classico può subire numerose varianti soprattutto nelle dimensioni, nella forma e posizione del foro d'entrata nonché nella struttura generale del nido.

Una comune variante è quella del "nido a tronchetto" dove la forma è cilindrica anziché squadrata. La sua realizzazione è comunque ben più complessa partendo da un moncone di tronco che viene convenientemente svuotato del legno interno. In altri casi si usano stampi e colate di cemento misto a segatura per alleggerirne il peso.

A "cassetta" o a "tronchetto" non crea differenza per la maggioranza delle specie. Il foro d'entrata invece è particolarmente importante: la sua dimensione infatti deve essere ben calcolata. Fori troppo piccoli rendono impossibile l'accesso a specie di taglia più grande; fori troppo ampi, in certi casi non offrono adeguata riservatezza e sicurezza dai predatori a molti uccelli piccoli.

Gli ospiti dei nidi artificiali

Le specie italiane più comunemente ospiti dei nidi artificiali a cassetta sono le seguenti:

Nidi a cassetta o a tronchetto, chiuse

Cinciallegra, Cinciarella, Cincia mora, Passera d'Italia, Passera mattugia, Storno, Picchio muratore, Rampichino, Torcicollo, Codirosso, Pigliamosche, Scricciolo

Cinciallegra, L.Sebastiani, www.birds.it

Nidi a cassetta aperta

Pigliamosche, Pettirosso, Ballerina bianca, Codirosso, Scricciolo, Merlo

È importante conoscere le abitudini delle varie specie che si vogliono attrarre nel nido.

  • Cince, passeri, storni, picchi muratori, pettirossi, rampichini, scriccioli e merli nidificanti nelle nostre regioni sono sedentari e spesso precoci nella nidificazione. Possono compiere "migrazioni verticali" nelle aree di montagna, scendendo a valle in inverno. Spesso la loro presenza aumenta nella stagione fredda per l'arrivo di contingenti provenienti da nord e venuti a svernare in climi meno rigidi. La presenza invernale di pettirossi, per esempio, non dimostra che la specie resti poi a nidificare; per la maggior parte dei casi urbani, infatti, si tratta di individui che all'arrivo della primavera tornano a nord o in montagna.
  • Torcicollo e Ballerina bianca sono più sensibili agli inverni e possono disperdersi più a sud.
  • Codirosso e Pigliamosche sono veri e propri migratori su lunga distanza e partono nella tarda estate per tornare ad aprile-maggio.
Mercoledì, 02 Ottobre 2013 18:50

Come attirare gli uccelli ospiti delle mangiatoie

In inverno molti uccelli allargano lo spettro della propria dieta, che diventa, per necessità, principalmente onnivora. Per questo una mangiatoia può attirare molte specie diverse, e il successo della mangiatoia dipenderà dal tipo di cibo offerto.

Guida all'uso delle mangiatoie

Infatti, è selezionando il cibo che si attireranno o escluderanno certi uccelli. Poichè lo scopo dell'impiego di mangiatoie è principalmente di aiutare i piccoli uccelli, nonché di accogliere e poter osservare il maggior numero di specie, i modelli con tettoia risolvono il problema di tortore e piccioni oppure dei corvidi che, dove sono troppo abbondanti, desertificano le mangiatoie preparate per altre specie.

Scegli le mangiatoie dell'Emporio Lipu Scegliendo i nidi artificiali, le mangiatoie e i mangimi dell'Emporio Lipu puoi costruire il tuo birdgarden e aiutare la Lipu nelle tante attività in difesa degli uccelli e degli animali selvatici

Vai all'Emporio

La presenza del tetto rende molto difficile se non impossibile l'atterraggio sul piano della mangiatoia. Per attirare più specie, è bene diversificare il cibo.

Una fila di arachidi appese ad un filo (trapassate usando un ago da cucire) o uno spicchio di polpa fresca di noce di cocco sono esche irresistibili per tutte le cince ed i picchi muratori che se ne cibano, compiendo acrobazie eccezionali e talvolta un po' comiche.

 

Nella tabella che segue è indicato ciò che gradiscono maggiormente i diversi uccelli.

Cibo Specie
Semi di mais, canapa e mais tritato Fringuelli, verdoni, cardellini
Semi di girasole Fringuelli, verdoni, cince, picchio muratore
Briciole dolci Pettirossi, cince, regoli, picchio muratore, fringuelli, merli, storni, capinere
Frutta secca Cince, picchio muratore
Frutta fresca Merli, tordi, storni, capinere, pettirossi, cinciarelle
Grasso e carne Cince, storni, pettirossi, merli, tordi

 

Le mangiatoie possono riservare molte sorprese, tra cui presenze rare ed insospettabili. Ad esempio, durante un inverno molto rigido potrete ricevere la visita dei lucherini, che si spingono a sud solo quando le condizioni invernali si fanno proibitive. Analogamente, un po' di carne cruda può attirare picchi verdi e rossi.

Ma la lista delle specie potenzialmente attirabili ad una mangiatoia è infinita. Dipende anche da noi e dalla nostra voglia e capacità di gestire al meglio questi divertentissimi ristoranti per uccelli selvatici.

Mercoledì, 02 Ottobre 2013 18:49

Come costruire una mangiatoia

Guida all'uso delle mangiatoie

Costruire una mangiatoia aperta è abbastanza semplice. Si consiglia di utilizzare legno di buona qualità ed abbastanza resistente alle intemperie, visto che la mangiatoia dovrà essere sistemata in luogo aperto. Il modello descritto ricalca quello che puoi richiedere su Emporio Lipu un cambio di una piccola donazione.


MATERIALE
8 viti, 8 chiodi, 2 catenelle, 1 anello.



FASE 1
Prendere la base della mangiatoia ed i due montanti, ed appoggiare la parte piana di questi sul piano della base, sopra ai fori. Fare in modo che il centro dei montanti sia nel centro della mangiatoia (9 cm dal lato). Infilare le viti nei fori della base ed avvitare i montanti.



FASE 2
Prendere le due traverse del tetto (triangolari) ed inchiodarle alla parte inferiore dei lati del tetto (facciata opposta alle catenelle) tenendo il taglio inclinato verso il centro. ATTENZIONE quando inchiodate il tetto sulle traverse fate in modo che lo spazio interno (tra le due traverse) sia pari alla lunghezza della base (ossia 24 cm)



FASE 3
Appoggiare la punta dei montanti sotto e nel centro del tetto, in modo che siano a fianco delle traverse (verso l'interno). Tenere il tetto diritto, infilare dele viti lunghe nei fori delle traverse ed avvitare i montanti.
Appendere la mangiatoia al balcone o ad un albero tramite la catenella.

Mercoledì, 02 Ottobre 2013 18:48

Come installare una mangiatoia

Scegliere dove e in che momento dell'anno installare una mangiatoia è molto importante perché determina il tipo di uccelli che verranno attirati e che di conseguenza sarà possibile osservare.

Quando, dove e come installarle

Guida all'uso delle mangiatoie

Il momento più adatto a posizionare una mangiatoia è l'inizio dell'inverno, quando il freddo inizia a farsi sentire.
Ci vorranno alcuni giorni perchè gli uccelli si abituino alla nuova presenza o semplicemente se ne accorgano, e sperimentino ciò che contiene. Insistete nel rifornirla e rinnovatela di cibo finché non noterete i primi ospiti: da quel momento le visite incrementeranno a vista d'occhio. Se l'assenza di visitatori sarà troppo prolungata provate a cambiare posizione alla mangiatoia. I luoghi adatti ad una mangiatoia sono molti: appesa tra i rami spogli di un albero, piantata su un palo in mezzo al prato, appoggiata sul davanzale di una finestra che dà sul giardino. Molto importante è decidere l'altezza dell'installazione: mangiatoie troppo alte sono difficili da rifornire ed escludono molte specie che frequentano il suolo o i rami più bassi. Al contrario, mangiatoie basse possono essere anche visitate da uccelli che scendono da più in alto.
Le mangiatoie posate o dotate di supporto sono in genere alte circa un metro e mezzo, mentre appese possono anche raggiungere i tre metri.
Requisito comune deve essere la tranquillità del sito per buona parte della giornata, soprattutto al mattino o nelle prime ore del pomeriggio, le ore che sembrano preferite per le visite alle mangiatoie. Sarebbe anche bene scegliere luoghi non battuti dal vento o dalla pioggia diretta.
Il cibo in una mangiatoia andrebbe rinnovato ogni giorno.
Esistono alcuni accorgimenti per evitare disturbo o pericolo agli uccelli della mangiatoia da parte di predatori, in particolare gatti. Un tronco di cono o una banda di latta o plastica posizionati a metà del sostegno o del tronco sono più che sufficienti.

Come e cosa osservare

Sono molte le osservazioni da effettuare presso una mangiatoia. Anzitutto si ha la rara opportunità di osservare da vicino uccelli altrimenti elusivi e legati alla vegetazione, agli strati più alti di chiome, in continuo volo e movimento.
Alcune specie hanno splendide colorazioni del piumaggio; è pertanto possibile, con l'aiuto di un buon binocolo, apprezzare le forme e le differenze tra le specie, non solo in termini di piumaggio, ma anche di comportamenti e strutture corporee.
Gli uccelli dai becchi tozzi e trituratori sono dei granivori, quelli dai becchi sottili ed appuntiti degli insettivori, mentre gli onnivori hanno il becco più robusto.
Spesso capita di osservare molti comportamenti curiosi, come quelli competitivi e di minaccia, frequentissimi tra i membri della stessa specie, come tra specie diverse. Si scopriranno anche diverse tendenze alla socialità. Passeri e fringuelli capitano quasi sempre in piccoli gruppi.
Anche le cince sono spesso gregarie e formano "bande" miste a regoli e picchi muratori; gli storni sono sociali tra loro ma molto aggressivi con le altre specie alla mangiatoia; il pettirosso è il più solitario e poichè è molto territoriale è rarissimo vederne due alla stessa mangiatoia. Se accade, sarà possibile osservare rituali canori, comportamenti di minaccia ed assistere alle rincorse ed alle scaramucce per assestare la proprietà.

Martedì, 01 Ottobre 2013 14:14

Contatto diretto con la Lipu

La Lipu è presente in tutta Italia con le sue attività e una rete di soci, volontari, operatori in stretto contatto con il territorio. Contattaci direttamente dal form, oppure consulta la mappa sottostante per trovare la Sezione, l'Oasi o il Centro Recupero più vicino a te.

CONTATTA LA LIPU


Le Sezioni Locali, le Oasi ed i Centri Recupero

La Lipu è presente in tutte le regioni italiane con il suo lavoro e i suoi volontari, una vera rete di soci e volontari in stretto contatto con il territorio e le diverse locali. Esplora la mappa per trovare la Sede, il Centro di Recupero, l'Oasi o la Sezione Lipu più vicina a te e contattaci.

Martedì, 01 Ottobre 2013 11:09

Il Progetto Berta maggiore

La Berta maggiore è una delle specie di uccelli marini presenti nei mari italiani. Dal 2008 la Lipu svolge studi per identificare le aree più importanti per la sua conservazione.

La Berta maggiore del Mediterraneo (Calonectris diomedea diomedea) è una specie pelagica, tipica del Mediterraneo, che trascorre gran parte della propria vita in mare aperto e torna sulla terraferma solo per nidificare. Questo è il motivo per cui, per lungo tempo, è stato molto difficile studiare la specie e conoscerne l’ecologia e il comportamento.

Di recente, tuttavia, lo sviluppo di nuove tecnologie ha permesso di indagare importanti aspetti di questi animali che un tempo erano difficilmente valutabili.

Dal 2008 la Lipu svolge studi di telemetria della Berta maggiore utilizzando mini GPS-logger, che applicati per un breve periodo sul dorso, permettono di registrare con elevata precisione gli spostamenti effettuati da questi uccelli durante il periodo riproduttivo: dalla colonia di nidificazione in mare aperto e di nuovo il ritorno alla colonia.

Le ricerche sono state condotte sull’isola di Linosa, che ospita una delle più grandi colonie di Berta maggiore del Mediterraneo, nell’Arcipelgo alle Tremiti, nell’Arcipelgo Toscano e nell’Arcipelago de La Maddalena, ottenendo un totale di 154 tracciati, ciascuno dei quali effettuato da un singolo individuo. Grazie a tali studi, è stato possibile individuare le aree maggiormente utilizzate dalle berte maggiori in mare aperto, un’informazione importante per una più efficace conservazione di questa specie.

La Berta maggiore costruisce il nido su isolette al largo, nelle quali nidifica in colonia su coste rocciose, scogliere, falesie, pietraie laviche (Linosa) o anche in anfratti, grotte e spaccature. Depone l'unico uovo tra metà e fine maggio, che viene covato da entrambi i sessi per 51 giorni. L'involo dei piccoli avviene tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre. Si nutre di pesci e crostacei. Lo sfruttamento umano delle risorse ittiche costituisce una minaccia per la specie, così come le numerose catture accidentali con reti da pesca (bycatch).

Scheda della specie
Riproduzione deposizione metà/fine maggio (un unico uovo covato da entrambi i sessi per 51 giorni); involo a fine settembre/ottobre.
Nido su isolette al largo, dove nidifica in colonia su coste rocciose, scogliere, falesie, pietraie laviche (Linosa), in anfratti, grotte e spaccature.
Alimentazione si nutre di pesci e crostacei.
Minacce sovrasfruttamento delle risorse ittiche da parte dell’uomo, cattura accidentale con reti da pesca (bycatch)
Curiosità si ipotizza che il canto lamentoso di questi uccelli abbia dato origine al mito delle sirene e del loro canto.

Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni