Lipu Onlus, natura, uccellie animali selvatici in Italia
Ricordati di me
LASCIATEMI CANTARE
Bentornata, cicogna!
Le piccole cose contano

Le caratteristiche del bracconaggio in Italia

Le caratteristiche del bracconaggio in Italia Airone cenerino ucciso dai bracconieri (foto: Archivio Lipu)
Etichettato sotto

Il bracconaggio in Italia, in relazione anche alle prescrizioni di legge, può essere classificato secondo le tipologie di attività e la collocazione geografica.

Possiamo definire come attività di bracconaggio questi fenomeni:

  • la cattura e l’abbattimento di uccelli e mammiferi da destinare al consumo gastronomico, con trappole, reti e armi da fuoco, anche al di fuori della stagione venatoria e/o all’interno di aree protette. Ad esempio, i cinghiali che vengono catturati con i lacci oppure gli uccelli passeriformi catturati con le trappole, nel bresciano, in Sardegna e nelle isole tirreniche;
  • la cattura di uccelli e mammiferi da destinare al commercio illegale, con trappole e reti o con sottrazione al nido dei piccoli, anche al di fuori della stagione venatoria e/o all’interno di aree protette. Ad esempio, i fringillidi catturati per essere destinati al mercato illegale a Palermo o Napoli oppure i rapaci sottratti al nido per essere destinati al commercio per collezionismo;
  • l’abbattimento di mammiferi ed uccelli da destinare all’imbalsamazione illegale e successivamente al commercio illegale, con trappole ed armi da fuoco, anche al di fuori della stagione venatoria e/o all’interno di aree protette;
  • l’abbattimento di mammiferi e uccelli con trappole, armi da fuoco e/o l’ausilio di mezzi vietati per puro scopo ludico, anche al di fuori della stagione venatoria e/o all’interno di aree protette. Tipologia che rappresenta la più diffusa in tutto il Paese e viene svolta principalmente durante la normale stagione venatoria;
  • l’utilizzo di armi da fuoco senza possesso di licenza di caccia e/o utilizzo di armi contraffatte o rubate.

Chi sono i bracconieri?

I soggetti dediti al bracconaggio possono essere divisi in tre differenti tipologie:
• coloro che operano il bracconaggio in modo organizzato e/o consortile con finalità di lucro;
• coloro che operano il bracconaggio in solitaria con finalità di lucro;
• coloro che operano il bracconaggio in modo sistematico o saltuariamente con finalità puramente ludiche, in solitaria e/o consortile.

È difficile, pressochè impossibile, calcolare un numero preciso dei bracconieri attivi nel nostro Paese. Possiamo tuttavia stimare che si tratti di molte migliaia, forse decine di migliaia di persone. Per questo motivo non possiamo dichiarare risolto il problema del bracconaggio in Italia, e sentiamo la necessità di risposte più forte e più strutturate da parte di Stato e Regioni.

Da oltre 50 anni curiamo gli animali, proteggiamo gli habitat, combattiamo il bracconaggio e parliamo di natura ai ragazzi. Puoi farlo anche tu. Se non sei ancora socio, puoi iscriverti alla Lipu per un anno. Entra nella nostra grande famiglia!

I TUOI DATI
SCEGLI LA TUA QUOTA ASSOCIATIVA

Indica la quota associativa (nel campo "Di che specie sei") e la modalità iscrizione alla Lipu. Se sei della specie "famiglia" scrivi nel campo note il nome e cognome dei componenti della tua famiglia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Acconsenti all'uso dei cookie Chiudendo questo banner.
Per saperne di più è possibile consultare l'informativa sulla Privacy di Lipu.